Il miglior integratore n. 1 per l’artrite, afferma il dietista: mangia questo non quello

Avere l’artrite significa avere gonfiore e tenerezza in una o più articolazioni. Ricevere questa diagnosi, come hanno fatto 58,5 milioni di adulti americani, può causare dolore alle articolazioni, perdita di peso involontaria e persino avere difficoltà a muoversi o eseguire determinati compiti (come la digitazione).

Molti fattori possono contribuire al rischio di una persona di sviluppare l’artrite, compreso il proprio corredo genetico, le lesioni passate, l’infezione e la dieta.

Indipendentemente dalla causa, per coloro che vivono con dolore cronico alle articolazioni, trovare modi per gestire gli effetti dell’artrite può cambiare la vita. Anche se non esiste un rimedio che garantisca il sollievo dai sintomi dell’artrite, apportare piccole modifiche alla dieta e allo stile di vita, inclusa l’aggiunta di un integratore alla routine, può avere un profondo impatto sul dolore e sul disagio. Un integratore a cui puoi consultare il tuo medico per l’assunzione gestire l’artrite è un integratore di curcuma. Continua a leggere per scoprire perché, e per di più, non perdere 4 migliori abitudini di consumo per i sintomi dell’artrite, dicono i dietisti.

Il miglior integratore n. 1 per l’artrite

Shutterstock

Gli integratori possono essere esplorati durante la ricerca di modi per gestire i sintomi dell’artrite. Dall’olio di pesce ad alcuni antiossidanti fino ai peptidi di collagene, ci sono molte scelte di pillole che possono aiutare il tuo corpo a gestire l’artrite un po’ più efficacemente. Ma tra le tante scelte di integratori là fuori, la scelta n. 1 per l’artrite è un integratore di curcuma.

Di colore giallo e dal sapore potente, la curcuma è stata usata per secoli sia come aggiunta saporita a molti piatti che come potente agente antinfiammatorio. Il motivo per cui la curcuma è stata usata per secoli come rimedio per molte condizioni è a causa del composto di curcumina che contiene. Questo composto è ciò che conferisce a questa radice le sue proprietà antinfiammatorie, rendendolo un rimedio ideale per la gestione del dolore, il sollievo dal mal di testa e possibilmente il supporto dei sintomi dell’artrite.

CORRELATI: I migliori integratori per l’artrite, dice il dietista

La ricerca collega la curcuma al targeting dei sintomi dell’artrite

Secondo i risultati di una revisione sistematica e di una meta-analisi di otto articoli, i risultati hanno mostrato che l’estratto di curcuma alla dose di circa 1.000 milligrammi al giorno di curcumina può essere utilizzato come trattamento per l’artrite.

In un’altra revisione sistematica e meta-analisi, i dati hanno mostrato che, dopo aver valutato sedici studi randomizzati controllati che includevano 1.810 adulti con osteoartrite del ginocchio, gli estratti di curcuma hanno ridotto significativamente il dolore al ginocchio e migliorato la funzione fisica rispetto al placebo. Inoltre, gli estratti di curcuma hanno avuto il 12% in meno di eventi avversi rispetto ai rimedi antinfiammatori non steroidei (come Advil) e tassi simili al placebo.

Come scegliere il miglior integratore di curcuma

Quando si sceglie un integratore di curcuma, optare per uno che contenga anche piperina, o estratto di pepe nero, può aiutare ad aumentare la biodisponibilità della curcumina, aiutando infine il tuo corpo a trarre il massimo vantaggio da questo composto naturale. E assicurarti che il marchio che scegli sia certificato da organizzazioni di terze parti ti aiuterà ad assicurarti di ottenere effettivamente ciò per cui stai pagando in quelle piccole capsule.

Altri modi per gestire i sintomi dell’artrite

Oltre ad aggiungere un integratore di curcuma alla tua routine, ci sono numerose cose che le persone possono fare per offrire un aiuto, tra cui:

  • Includere l’attività fisica nella tua vita come puoi. Opta per opzioni facili per le articolazioni, come camminare, andare in bicicletta e nuotare.
  • Mantenere un peso sano
  • Evitare di fumare tabacco

Quando si tratta di scelte alimentari, appoggiarsi a determinati schemi e cibi individuali può aiutare le persone a gestire anche i sintomi dell’artrite. In generale, gli alimenti antinfiammatori sono consigliati a coloro che hanno questa condizione per aiutare a offrire un po’ di sollievo.

Alcuni alimenti antinfiammatori che possono essere facilmente inclusi in una dieta favorevole all’artrite includono:

  • Pesce grasso d’acqua fredda (come il salmone)
  • Noci
  • olio d’oliva
  • Frutti di bosco
  • Avvocati

E oltre a concentrarsi su queste aggiunte antinfiammatorie alla dieta, le persone con artrite possono limitare l’alcol, quantità eccessive di zuccheri aggiunti e carni lavorate per aiutare a gestire anche i loro sintomi.

CORRELATI: Il peggior cibo n. 1 per l’artrite, dice il dietista

porta via

Prima di iniziare a prendere la curcuma (o qualsiasi integratore per quella materia), assicurati di chiedere al tuo medico se è una scelta appropriata per te. Poiché dosi supplementari di curcuma possono interagire negativamente con anticoagulanti e farmaci per la gestione del diabete, è importante rivedere il piano di integratori con il proprio medico personale.

Avere l’artrite può essere impegnativo e scomodo, per non dire altro. Ma apportare piccoli cambiamenti alla dieta e allo stile di vita, incluso l’assunzione di un integratore di curcuma, può avere un profondo impatto sul dolore e sul disagio. Finché va bene con il tuo dottore, perché non dare un’occhiata alla curcuma?

IMPARENTATO: 5 peggiori abitudini alimentari per l’artrite dopo i 40 anni, dicono i dietisti

Lauren Manaker MS, RDN, LD, CLEC

Lauren Manaker è una dietista, autrice di libri e sviluppatrice di ricette pluripremiata, che opera in pratica da quasi 20 anni. Leggi di più

Leave a Comment

Your email address will not be published.