Appetito di ossa: 2 proprietari di cani su 3 cucinano regolarmente pasti per il loro animale domestico

NEW YORK – Quasi i due terzi dei proprietari di animali domestici (64%) cucinano un pasto separato per il proprio cane almeno tre volte a settimana.

Un sondaggio su 2.000 proprietari di cani ha esaminato come le proprie preferenze alimentari si traducono in quelle dei loro animali domestici, scoprendo che quasi la metà dei proprietari di cani vegetariani o vegani darebbe da mangiare ai loro amici pelosi con una dieta simile. Allo stesso modo, è probabile che il 68% di coloro che hanno altre restrizioni dietetiche sottopongano i propri cani a una determinata dieta basata sulla propria.

Quasi tre genitori su quattro concordano sul fatto che una taglia non va bene per tutti quando si tratta di cibo per cani e il 67% sa che diverse razze di cani possono preferire diversi tipi di cibo. Non sorprende, quindi, che il 61% pensi che le esigenze nutrizionali del proprio cane siano uniche rispetto ad altri cani.

Avrò quello che ha il mio proprietario!

I dati raccolti da OnePoll in collaborazione con Ollie hanno anche rilevato che più della metà dei proprietari di animali domestici attualmente tratta i propri cani con cibi umani (55%) come uova (38%), formaggio (37%) e pollo (34% ).

La maggior parte degli intervistati ritiene che il cibo del proprio animale domestico sia simile al proprio (62%); tanto che il 45 per cento di coloro che cucinano i pasti per i propri cani lo fanno insieme al cibo che cucinano per se stessi. Tuttavia, due terzi dei partecipanti al sondaggio ammettono di voler sperimentare un po’ di più la dieta del proprio animale domestico nutrendoli con alimenti come i mirtilli (36%), le carote (36%) o la pancetta (34%).

I genitori di animali domestici riconoscono ancora che non dovremmo nutrire i nostri animali esattamente come nutriamo noi stessi perché il loro sistema digestivo è diverso. Alcuni alimenti possono farli ammalare e hanno esigenze nutrizionali diverse.

“I cani possono gustare un’ampia varietà di cibi che piacciono anche agli esseri umani, come frutta e verdura, proteine ​​magre come uova, pollame e pesce, e anche alcune prelibatezze come popcorn, burro di arachidi e formaggio vanno bene in quantità piccole e ragionevoli. “, afferma Bridget Meadows, responsabile degli alimenti di Ollie, in una dichiarazione. “Sia per la carne che per le verdure, i metodi di cottura delicati con un minimo di olio, burro o condimenti rendono gli alimenti più facili da digerire: qualsiasi lavorazione o preparazione ad alto contenuto di grassi, sale o zuccheri dovrebbe essere evitata”.

Cibo per cani no

“I proprietari dovrebbero sempre evitare questi alimenti che possono influire sulla fisiologia di un cane, come cipolle, aglio, uva, uvetta, cioccolato, alcol e xilitolo (un dolcificante comune). Inoltre, evita tutto ciò che potrebbe contenere pezzi duri che possono danneggiare i denti o gli organi interni. Ossa taglienti o frammenti di ossa, frutta che contiene noccioli o noccioli e noci possono causare problemi se ingeriti”, continua Meadows.

Quando si tratta di aromatizzare il cibo del loro animale domestico, i proprietari di animali domestici amano mescolare diversi sapori (70%) o aggiungere ingredienti freschi (62%). Un altro 64% fa di tutto per creare pasti equilibrati per i propri cuccioli. Un terzo degli intervistati ritiene di non nutrire il proprio cane a sufficienza con le verdure, ricordando che in media danno al proprio cane solo un pasto al giorno che includa verdure.

Il 55% fatica a trovare un’opzione alimentare equilibrata per il proprio cane nei negozi, motivo per cui tre su cinque sono propensi a modificare la dieta del proprio cane in base alle proprie ricerche o dopo aver parlato con il veterinario (64%).

Quasi la metà di coloro che hanno messo i propri cani a dieta vegetariana (47%) ha fornito diverse ragioni per farlo, incluso il fatto che i loro amici a quattro zampe lo apprezzano più di qualsiasi altra dieta e li aiuta anche a essere più attivi.

“L’aggiunta di verdure alla dieta di un cane può essere un’ottima fonte di vitamine e fibre e aiutare a fornire snack ipocalorici che aiutano i cani motivati ​​dal cibo o in sovrappeso a rimanere sazi e soddisfatti in modo sano”, afferma Meadows. “Ma non iniziare nulla di nuovo senza prima parlare con il tuo veterinario: i sistemi digestivi del cane possono essere sensibili”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.